e-mail
 

 La Fondazione Opera Moreschini”, mette a concorso borse di studio ordinarie per studenti di scuola media superiore capaci e meritevoli, di non agiate condizioni economiche.

 

Fondazione Opera Moreschini
per borse di studi e sussidi scolastici

Ente Morale Riconosciuto
Delibera Regione Marche n° 1902 del 21 luglio 1997
Iscritta al n. 242 del Registro Persone Giuridiche – Tribunale di Ancona
C.F. 91012050420
Via Oberdan, 3 – 60019 Senigallia
Tel.-Fax 071 793 96 20

COMMISSIONE PERMANENTE

PRESIDENTE: Mariella Bonvini Triani
SEGRETERIA: Gabriella Casaroli Sanseverinati
CONSIGLIERI: Fiorella Fattorini Herber, Alba Mularoni Muzi, Camillo Nardini, Giovanna Pergolesi, Giuliana Pericoli, Anna Maria Maecosignori Rosellini, Mario Severini, Luigi Zampini, Ruggero Zenobi.

 

L’Opera Moreschini, costituita a Senigallia nel 1997, è dedicata ad Alessandro e Irma Moreschini dai loro figli, riconoscenti per essere stati avviati agli studi superiori grazie alla loro laboriosità, ai non misurati sacrifici quotidiani, alla tenacia indefettibile della loro fede nell'umana elevazione ed utilità sociale, che si conseguono attraverso la cultura.

L'opera non vuole assecondare ambizioni malposte, che creano legioni di diplomati disoccupati velleitari, ma mira ad evitare che qualche talento, prezioso per sé e per la comunità, possa andare perduto.

Essa pertanto eroga borse di studio e sussidi di sostegno specialmente ai giovani di ambo i sessi dotati in misura eccezionale d'ingegno, talento è volontà, che si trovassero, per gravi difficoltà economiche, nella reale impossibilità di iniziare o di proseguire studi di livello medio superiore nelle città di Senigallia e di Fano.

I giovani interessati, se minorenni un loro genitore, possono inoltrare domanda alla Commissione reggente dell'Opera in qualsiasi momento dell'anno scolastico, fornendo le prove rigorose prescritte dal Regolamento.

La Commissione, vagliati i documenti, fatti i riscontri necessari, comunicherà le sue decisioni nel più breve tempo possibile.
 

BREVE BIOGRAFIA DI CESARE MORESCHINI

La Fondazione stessa, per altro, ha ormai una sua breve storia.

È stata, infatti, istituita da Cesare Moreschini  il 22 Maggio 1997 in favore di chi, pur   dotato di innati talenti, dovesse comunque affrontare disagi e difficoltà per coltivarli, esprimerli e metterli a frutto.

Tale era stata in realtà la sua stessa sorte.

Era nato a Senigallia il 9 Novembre 1911, morì a Roma il 24 Novembre 1998.

Suo padre Alessandro, sarto, insieme con la madre Irma Tarsi “con la loro lungimirante intelligenza e i loro eccezionali sacrifici” avevano consentito a Lui ed ai fratelli di intraprendere la via degli studi superiori, “condizione necessaria per il pieno sviluppo delle virtualità personali e porta dell’umana elevazione”. Così si legge nell’atto notarile costitutivo della Fondazione  attraverso la quale Cesare Moreschini ha voluto onorare  la memoria dei genitori e quella del fratello Augusto.

La sua fu una vita all’insegna del più lucido impegno intellettuale espresso in molteplici attività.

Come leggiamo nell’articolo a lui dedicato da Giorgio Silvestri e pubblicato in “Sestante”, Cesare Moreschini, “cattolico di fede saldissima”, fu autore di testi di interesse agiografico, fu direttore della Biblioteca Comunale Federiciana di Fano, collaboratore dell’Istituto di Studi Romani, fondatore del Comitato Cinematografico per Ragazzi, direttore di una Scuola per Interpreti Simultanei e Traduttori.

Ma noi non vogliamo impegnarci in un’indagine dettagliatamente biografica. Abbiamo scelto, infatti, di dar voce a Lui, Cesare, attraverso alcune pagine che abbiamo recuperate dal suo archivio familiare, per noi amabilmente aperto dalla gentile Signora Elsa Ramazzotti Moreschini e dalla Biblioteca Federiciana di Fano, della quale Egli è stato direttore nei travagliati anni della seconda guerra mondiale, dal 1940 al 1950.

Tale è, dunque, l’intento che ci ha mossi a presentare i seguenti quattro brani: “Itinerario del desiderio”, “Nausicaa”, “Primavera sul mare”, “Ricordi della mia resistenza non violenta a Fano”.

Nel primo abbiamo scoperto il suo autoritratto di adolescente quattordicenne, “un quasi animaletto senza cieli né dei” e la sua metamorfosi “a quindici anni, al liceo” grazie al “subitaneo squassante affacciarsi sul mistero d’ esistere”.

Nel secondo, “Nausicaa”, abbiamo colto la “ dissimiglianza”, per la prima volta consapevolmente percepita, tra il giovane Cesare, ammaliato dal mito omerico,  ed i suoi spensierati  compagni, cacciatori delle bisce d’acqua.

Il terzo brano ci offre un canto dedicato al mare, quell’Adriatico “dolcissimo”  che fu  immutabile e mutevole scenario della sua giovinezza e dei suoi ricordi.

L’ultimo è una umanissima, sapida cronaca dei drammatici  anni della guerra a Fano, durante i quali Cesare Moreschini, bibliotecario – come abbiamo già ricordato – alla Federiciana, mise in atto tutte le risorse della sua intelligenza per salvare uomini e libri.

Uomini e libri: ci è sembrato davvero significativo e  pregnante questo binomio, quasi fosse suggello di quell’Humanitas che  ha segnato nel tempo  la  vita di Cesare Moreschini  ed ha affidato a noi la sua memoria.

Mariella Bonvini Triani
 

per borse di studio e sussidi
destinati a studenti che frequentano le scuole medie superiori di Senigallia e Fano

La F.O.M. mette a concorso borse di studio ordinarie per studenti di scuola media superiore capaci e meritevoli, di non agiate condizioni economiche. Le borse potranno essere godute per tutta la durata del ciclo scolastico, purché rimangano invariate le condizioni di merito e di reddito richieste.

Gli aspiranti dovranno presentare domanda in carta libera alla Presidenza della F.O.M., via Oberdan, 3 Senigallia, entro il 31 agosto dell’anno in corso, indicando cognome e nome, luogo, data di nascita e recapito del concorrente, scuola o istituto di livello medio superiore che questi intende frequentare (per i minorenni le domande dovranno riportare i dati anagrafici dei genitori o dei tutori e le loro firme).

La domanda dovrà essere corredata dai seguenti documenti:

1)      licenza della scuola media dell’obbligo o certificato della scuola media superiore frequentata, con la valutazione finale;

2)      dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà con la quale i richiedenti attestano la composizione del loro nucleo familiare e i redditi effettivi percepiti dallo stesso nucleo nell’anno 2005, allegando comunque, ove presentata, copia della dichiarazione dei redditi, ovvero altre certificazioni di natura fiscale;

3)      certificato del casellario giudiziario dei richiedenti;

4)      dichiarazione del candidato (o di un suo genitore o tutore) che ha preso visione delle norme e dei vincoli del concorso e che non gode di altre borse o sussidi allo stesso titolo;

5)      dichiarazione firmata dagli insegnati della classe o dai presidi o direttori degli istituti, le quali attestino il profitto, la frequenza assidua e le doti di intelletto e di carattere del candidato. Non conteranno eventuali insufficienze in alcune materie, qualora esse siano compensate dall’eccellente profitto in altre.

I candidati hanno facoltà di presentare altri documenti comprovanti ulteriori titoli di merito (premi, segnalazioni, ecc.).

Sono irricevibili le domande non contenenti i documenti richiesti a corredo delle stesse.

Possono essere concessi a discrezione della Commissione e in presenza di gravi situazioni di emergenza sussidi straordinari sulla base dei criteri sopra indicati.

Le domande relative ai sussidi predetti possono essere presentate in qualsiasi momento dell’anno, corredate dalla medesima documentazione e secondo le medesime modalità richieste per le borse di studio.

 

Premiazione
anno 2005

Premiazione
anno 2006

Premiazione
anno 200
7

Scarica domanda di concorso